• Per ulteriori informazioni:
  • (+39) 392 408 21 99

  • info@jessicacennamo.it

Blog

panettone

panettone

Quale modo migliore per augurarvi un Buon Natale se non parlando del Panettone?

Da "pan de ton", che significa "pane d'alto pregio”, questo dolce lievitato è tipico delle zone comprese tra Lombardia e Piemonte in modo particolare è famosissimo quello di Milano.

La ricetta tradizionale prevede: acqua, farina, tuorlo d'uovo, pasta acida, burro, bacche di vaniglia, sale e l’aggiunta di uvetta e/o canditi.

È un alimento ipercalorico, ricco di carboidrati e di grassi– buona parte dei quali di tipo saturo; irrilevanti invece sono le proteine.

Proprio a causa delle proprietà nutrizionali, il panettone non è uno degli alimenti adatti alla dieta dei soggetti tendenti al sovrappeso ma, sappiamo benissimo che nel periodo natalizio è inevitabile il consumo di questo dolce tipico.

Perciò il consiglio è di consumarlo in quantità più contenute possibili, meglio se lontano dai pasti.

A colazione o nello spuntino di metà mattina o di metà pomeriggio, il panettone può essere consumato in porzioni di 30 g (circa 100 kcal).

Sarebbe buono, inoltre, consumare panettone artigianale in modo da evitare l’eccesso di conservanti alimentari presenti all’interno dei prodotti confezionati.

sushi

sushi

Oggi parliamo di sushi e proveremo a dare una risposta alla fatidica domanda: “Il sushi è calorico? Si può mangiare quando si è a dieta?”.

Nella cucina giapponese il sushi è un cibo a base di riso cotto con aceto di riso, zucchero e sale e combinato con un ripieno o guarnizione di pesce, alghe vegetali o uova. Il ripieno può essere crudo, cotto o marinato e può venire servito disperso in una ciotola di riso, arrotolato in una striscia di alga o disposto in rotoli di riso o inserito in una piccola tasca di tofu.

L'ingrediente più comune in tutti i differenti tipi di sushi è il riso sushi: preparato con riso bianco, dolce a grano corto, lavato e cotto seguendo una precisa tecnica e successivamente bagnato con aceto di riso. Ci sono varianti regionali nel riso sushi e naturalmente ogni chef ha il proprio metodo. La maggior parte delle varianti sono nel condimento di aceto come, ad esempio, la versione di Tokyo è tipicamente più salata.

Per rispondere alla domanda posta all’inizio, possiamo affermare che il sushi è un alimento poco calorico.

La quantità consigliata è circa 8 pezzi (evitando sushi fritto), altrimenti si consiglia di consumare questo tipo di alimento come pasto libero, sempre senza esagerare nella quantità.

Si raccomanda di fare sempre attenzione alla provenienza del pesce e alla temperatura secondo la quale è stato abbattuto; infatti, per evitare batteri come Anizakis (nematode tipico del pesce crudo), il pesce deve essere abbattuto a temperature equivalenti ai -20°C per almeno 24 ore.