• Per ulteriori informazioni:
  • (+39) 392 408 21 99

  • info@jessicacennamo.it

Blog

avocado

avocado

Oggi parliamo di Avocado. Questo frutto ha una forma che ricorda quella di una pera, al suo interno presenta un grande nocciolo e il suo colore è giallo verde. L’avocado è un alimento ricco di acidi grassi monoinsaturi, tra cui importantissimo l’acido oleico che si trova anche nell’olio d’oliva ed è un potente alleato del cuore: infatti consumare avocado aiuterebbe a ridurre il colesterolo LDL. Inoltre la presenza di fibre fanno si che questo frutto sia ottimo anche per contrastare il diabete. L’avocado contiene molte vitamine e sali minerali tra cui la vitamina A, vitamine del gruppo B tra cui la B1, la B2 e la B9 (il famoso acido folico essenziale per la salute del sistema nervoso),la vitamina C, la vitamina E, la D, la K, calcio e potassio. Oltre ai benefici già citati consumare avocado ha altre proprietà: aiuta la vista grazie alla vitamina A, combatte l’invecchiamento dato dai radicali liberi grazie alla vitamina E e alla vitamina C che sono potenti antiossidanti, regola la pressione sanguigna grazie alla presenza di potassio e inibisce la sintesi di sostanze cancerogene.

100 gr di avocado apportano 23 kcal derivanti da 23 gr di grassi, 4,4 gr di proteine e 1,8 gr di zuccheri. Dell’avocado si mangia la polpa cruda, che può essere frullata o consumata intera con insalate, uova, toast o utilizzata per fare delle salse come il guacamole.

birra

birra

Siamo giunti in quel periodo dell’anno in cui qualcuno di voi chiede di inserire nelle propria dieta una bevanda che per ovvi motivi era stata ridotta e/o eliminata: la birra.

Gli ingredienti tradizionali della birra sono acqua, malto d’orzo, luppolo e lievito.

La birra contiene diverse sostanze che gli conferiscono, se consumata con moderazione, proprietà benefiche tra cui l’aumento delle difese immunitarie, funzioni antitumorali e antiossidanti, capacità di favorire la digestione, di aumentare i livelli di colesterolo HDL (“buono”) con conseguente ruolo protettivo nei confronti di malattie cardiovascolari come infarto e ictus. Uno studio pubblicato sul Clinical Journal of American Society of Nephrology ha inoltre riportato che una minima quantità di birra contrasterebbe il rischio di sviluppare calcoli renali. Nella birra si trovano diverse vitamine del gruppo B (tra cui B1, B2; B3, B12,...), vitamina E, flavonoidi, potassio, rame, sodio, calcio, selenio ecc ecc.

Questa bevanda contiene circa 34 kcal per 100 gr (dalle tabelle di composizione CREA), quindi potrebbe essere considerata non molto calorica, ma bisogna tenere in considerazione una cosa: contiene alcol etilico! L’alcol etilico stimola la produzione insulinica, ormone che determina l’accumulo di grasso soprattutto a livello addominale, determinando la comparsa della cosiddetta “pancia da birra” responsabile tra l’altro di alterazioni metaboliche come il diabete di tipo 2. In definitiva, per la gioia di molti, possiamo affermare che quantità moderate di bevanda (2 bicchieri da 250 ml), potrebbero non essere dannose, l’importante come al solito è non eccedere!